Cerca un ristorante

Cerca:
Powered by Sobi2Search
Ristoranti
Ristoranti Cerca

Ristorante Acqua Pazza

Ristorante Acqua Pazza
Mappa via Murri 168/d
40137 Bologna
Telefono: 051443422
Email: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
Sito Web
ristorante acqua pazza, ristorante pesce bolognaLa nuova gestione del ristorante Acqua Pazza nasce a Maggio del 2008, il locale si trova di fronte al vecchio mulino Parisio fuori porta Santo Stefano alla fine di Via A. Murri
Con una veranda estiva all'esterno.

Cucina di pesce fresco di provenienza Mare Adriatico e Mar Mediterraneo.

Crudità di pesce: Ostriche fines de Claires, vari tipi di crostacei, di provenienza nazionale ( Adriatico e Sicilia)
Tonno rosso mediterraneo, pesce spada, merluzzo, palamite, sgombro ( Sicilia-Sardegna-Adriatico)
Antipasti: Piccoli fritti di gamberi e calamari nostrani, gamberoni in crosta di pancetta su vellutata di zucchine, Passatina di ceci con gamberi rossi di Mazara del Vallo e prosciutto croccante
Primi: pasta di grano duro Az. Masciarelli con condimenti fatti al momento.Risotto ai crostacei
Secondi: Tranci di pesci; dentice, branzino, ricciola, orata, con verdure di stagione, piatti semplici con un tocco di creatività;Il gran fritto anche con pesci di paranza.
Pesci interi : cotti al Forno, pesci non di allevamento come: spigole, orate. ombrine, san pietro, pezzogna, mazzole, dentici, rana pescatrice.
I piatti sono curati al momento con cucina espressa accompagnati da verdure di stagione. Due sono i menù presenti in carta, uno classico con le preparazioni che vengano fatte abitualmente e uno del giorno, ideati in base all'offerta del mercato.
Dal giovedì al sabato Catalana di astice blu del Mediterraneo.


La carta dei vini è stata curata con grande attenzione, mettendo a fiaco del nome vino la sua descrizione e l'analisi sensoriale, molte le scelte degli spumanti e dei vini fermi italiani specie del nord con più di 100 etichette diverse.
Ampia carta di Champagne.






Molti dei piatti possono essere preparati per persone intolleranti al Glutine.
Con attestato A.I.C


Recensione del ristorante (Repubblica — 22 maggio 2009) di Paolo Trevisani

“Le conchiglie si aprono e sono anfore che promettono miele…”. E’una frase del poeta e scrittore bolognese Roberto Roversi che leggiamo su un vetro di questo raffinato locale, ma scegliamo uno dei tavoli della veranda esterna, complice una splendida giornata di maggio. La gentilissima signora che coordina il servizio, sempre sorridente, è la titolare insieme al marito intento ai fornelli. Il menu non si limita al pesce, ma offre anche proposte tradizionali e di terra che rimandiamo ad una prossima visita. La carta dei vini, completa di descrizione delle caratteristiche organolettiche delle varie etichette, elenca solo bianchi, ma su esplicita richiesta al cameriere, sono disponibili anche pochi rossi. Interessante la selezione delle bollicine italiane e francesi dai ricarichi esigui. Nell’attesa gustiamo l’ottimo pane cotto al forno a legna e le fragranti streghe. Quenelle di pesce con pomodori e olive è la sfiziosa entrè, riuscito saluto della cucina. Procediamo con il crudo di mare. Succulente le ostriche Fines de Claire n.2 (6 pezzi 16 €). Finemente velati con olio d’oliva e sale rosa delle Hawaii la tagliatella di seppioline, gli scampi e le canocchie (26 €). Delicato ma verace il risotto di crostacei con polvere di capperi (18 €), migliorabile solo nella consistenza del riso. La griglia non priva del loro intenso sapore i gamberoni, le canocchie e gli scampi che, anche così, son buonissimi (29 €). Tra i dessert la sfogliata al mascarpone con fragole e cioccolato: buona senza risultar greve (7 €). Caffè espresso mediocre. Si spendono sui 60/75 euro, bevande escluse per una cucina semplice e rispettosa della ricercata materia prima (proveniente dal mercato di Chioggia).


Le Guide De L'espresso
Ristoranti d'Italia 2010
Dal mare direttamente in tavola, con cotture semplici che valorizzano la freschezza della materia prima. Il piatto di crudo così come il gran fritto, due preparazioni agli antipodi, riportano parimenti al gusto. Dolci di impronta classica, carta dei vini discreta e servizio cortese.
Segnalato nella Guida
Ristoranti & Delicatessen dell'Emilia 2010-2011

Chiusura: aperto tutte le sere dalle ore 20.00 lunedì -martedì e sabato chiusi a pranzo
Costo: dalle 55 Euro
Aggiunto il: 2009-10-16 10:12:10    Visite: 25757


Leggi i commenti:


0
Autore: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
Data: 2012-04-03 14:00:04
Buongiorno.Sono Adriana e mi piacerebbe lavorare per voi.Sonno rumena e adesso abitto in Bologna, Via Filippini , nr.8.L'ho so parlare italiano.Ho lavorato in un ristorante in Capalbio, Via Giacomo Leopardi, nr.10,"Il Frantoio".
Cordiali saluti,
Adriana Enache

avvocato
10
Autore: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
Data: 2010-01-21 17:09:32
davvero un ottimo connubio tra locale, servizio, vino... e ottima tavola.
Vota questo ristorante  0


4
Powered by Sigsiu.NET RSS Feeds

Credits

Copyright 2014 Ristorantibologna.it - tutti i diritti sono riservati.